Banner
Banner
Banner
Home ARCHEOLOGIA NEL SALENTO Dolmen e menhir
Scopri il salento

Dolmen e Menhir del Salento

Dolmen e menhir - Dolmen Stabile Giurdignano (Lecce)
I dolmen e i menhir sono monumenti megalitici risalenti, in alcuni casi, ad età preistorica. Il loro significato è ancora incerto; si ritiene generalmente possa trattarsi di altari, monumenti sepolcrali o  soltanto di simboli che propiziavano la fecondità.
Anche in Puglia, e in particolare nel territorio salentino, è possibile ammirare queste fantastiche e misteriose costruzioni.

MENHIR
La parola menhir deriva dal bretone "men" (pietra) e "hirs" (lunga): si tratta infatti di pietre monolitiche conficcate verticalmente nel terreno, e possono arrivare all’altezza di più di 5 metri. Generalmente presentano una forma quadrata, talvolta che va assottigliandosi verso la parte superiore.Dolmen e menhir - Menhir di San Paolo GiurdignanoUna caratteristica dei menhir a forma rettangolare è quella dell'orientamento delle facce rispetto ai punti cardinali: le facce più larghe sono orientate a nord e sud.
Nella provincia di Lecce sono molto diffusi. Ogni centro possiede almeno un menhir. Nel comune di Giurdignano, se ne contano addirittura più di 15 esemplari. A Martano è possibile ammirare il più alto menhir d'Italia, il "Menhir de Santu Totaru", che supera i 5 metri d'altezza. I menhir salentini furono cristianizzati nel Medioevo, soprattutto tramite l’incisione di croci sulla pietra, e vengono denominati “Osanna”. Ancora oggi, il giorno della Domenica delle Palme, in alcuni paesi della provincia di Lecce, vi è l'usanza di raggiungere in processione questi monumenti dove vengono benedetti i ramoscelli di ulivo. Chiaro esempio di cristianizzazione è il menhir di San Paolo a Giuggianello, dove sotto al megalite viene scavata una piccola cripta dedicata al santo. Una leggenda vuole che sotto i menhir siano custoditi favolosi tesori per impossessarsi dei quali è indispensabile seguire questo rituale: a mezzanotte due persone devono appoggiarsi con le spalle alle pareti del monolite il quale, sollevandosi da terra, schiaccerebbe uno dei due, quello con l’animo meno puro. Al sopravvissuto spetterebbe poi la lauta ricompensa.

DOLMEN

Il termine dolmen deriva dalla fusione di due parole bretoni: tol o tuol (tavola) e men (pietra). Il dolmen è costituito generalmente da un lastrone di pietra appoggiato orizzontalmente su pietre infitte verticalmente nel terreno, così da formare un vero e proprio ambiente. La realizzazione dei dolmen viene collocata nell'arco di tempo che va dalla fine del V millennio a.C. alla fine del III millennio a.C. In generale i dolmen pugliesi vengono riferiti all’età del Bronzo e partono dal III-II millennio ed in alcuni casi rappresentano fenomeni di ristagno culturale. Alcuni hanno restituito scheletri, ma molti altri sono stati depredati nel tempo.
Uno dei dolmen salentini più noti e importanti è il dolmen “li Scusi” che si trova nelle campagne di Minervino. Di notevole interesse è anche quello delle “Gravasce” in Giurdignano, "Placa” e “Calaresta” presso Melendugno.
Dolmen e menhir - Specchia dei Mori Martano
SPECCHIE
Altra testimonianza megalitica del Salento sono le specchie, cumuli di pietre di forma generalmente circolare che potevano raggiungere un’altezza di 15 metri.
La parola specchia deriva dal latino specula, a sottolineare la loro funzione di avvistamento, un compito molto importante in un territorio fortemente pianeggiante.
Nella provincia di Lecce, svariati sono i luoghi in cui si possono rinvenire tali innalzamenti artificiali. Ne sono un esempio le specchie di Alliste, Racale, Nardò, Supersano, Martano, Cavallino, Zollino, Ruffano, Taurisano e San Donato.
 
Foto gallery
 
CERCA NEL SITO

Agenda Eventi

Ultimo mese Maggio 2017 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5 6 7
week 19 8 9 10 11 12 13 14
week 20 15 16 17 18 19 20 21
week 21 22 23 24 25 26 27 28
week 22 29 30 31

Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su AGREE per chiudere questa informativa. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information