Banner
Banner
Banner
Home CITTÀ DEL SALENTO Lecce e dintorni Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo
Scopri il salento

Chiesa dei Santi Nicolò e Cataldo

Città del Salento - Lecce - Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo
Lecce

La Chiesa, collocata all’interno del Cimitero Monumentale di Lecce, all’esterno delle mura, fu voluta da Tancredi d’Altavilla, conte di Lecce e ultimo re dei Normanni, come ricorda l’epigrafe collocata sopra il portale, per sciogliere un voto in seguito ad uno scampato naufragio nei pressi di Otranto. I lavori di questo bellissimo esempio di arte romanica terminarono nel 1180, quando Tancredi donò il complesso ai Benedettini. Nel 1494 il complesso passa agli Olivetani che apportano numerose modifiche. Tuttavia è ancora chiaramente distinguibile l'impianto medievale: varie influenze possono leggersi nell’architettura del complesso: arte normanna e arte araba, come si può osservare nel disegno della cupola su tamburo ottagonale e nelle finestre, all’araba o alla siciliana, e nelle decorazioni del portale, con arabeschi e motivi vegetali, paragonabili a intagli musulmani su legno realizzati nella tenera pietra leccese.
Oltre al portale, è medievale anche il rosone al centro della facciata principale e il campanile, mentre il ricco coronamento del fastigio è attribuito a Giuseppe Cino, realizzato nella prima metà del Settecento, così come le decorazioni in pietra leccese e le statue barocche collocate sulla facciata, rappresentanti alcuni santi dell'ordine olivetano. Sull’architrave del portale principale un’epigrafe in latino, una serie di testine alate e una lunetta nella quale doveva esserci dipinta a fresco la Vergine. L’interno è sobrio e severo, a croce latina a tre navate alte e strette, voltate a botte e scandite da pilastri polistili che reggono archi a sesto acuto.

Città del Salento - Lecce - Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo
All’interno sono conservate alcune opere cinquecentesche di Gabriele Riccardi, come la statua di San Nicola e le due acquasantiere figurate, incastonate nelle prime due colonne della navata centrale. Più antichi sono i resti di affreschi tardogotici sulla vita di San Benedetto e San Nicola.
Altri cicli pittori seicenteschi narrano episodi della vita di San Nicola. Nel Settecento Mauro Manieri realizza i due altari posti nel transetto sinistro e destro, completati con dipinti del napoletano Giovan Battista Lama, raffiguranti rispettivamente San Benedetto, Bernardo Tolomei e Santa Francesca Romana, e La Vergine col Bambino e i Santi Niccolò e Cataldo.

Alla fine del XII s
Città del Salento - Lecce - Chiesa dei Santi Niccolò e Cataldo chiostroecolo risale anche l’annesso convento, costruito per volere di Tancredi. Furono gli Olivetani, succeduti ai Benedettini, a incaricare Gabriele Riccardi della realizzazione di un primo chiostro (1559), al centro del quale si erge un pozzo rinascimentale coperto da un’elegante edicola su colonne tortili e su base quadrangolare a gradinata. Il secondo chiostro risale al 1634.
Alla progettazione e costruzione del complesso abbaziale parteciparono in seguito anche Cesare Quarta e Mauro Manieri.
 
CERCA NEL SITO

Agenda Eventi

Ultimo mese Luglio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 27 1 2 3 4 5 6 7
week 28 8 9 10 11 12 13 14
week 29 15 16 17 18 19 20 21
week 30 22 23 24 25 26 27 28
week 31 29 30 31

Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su AGREE per chiudere questa informativa. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information