Banner
Banner
Banner
Home CITTÀ DEL SALENTO Lecce e dintorni Riserva Naturale Le Cesine
Scopri il salento

Riserva Naturale Le Cesine

Città del Salento - Area di Lecce  - Riserva Naturale Le Cesine
Vernole

La riserva naturale Le Cesine è un'area situata nel comune di Vernole (LE) nei pressi di San Cataldo, gestita dal WWF. Inizialmente si presentava come zona paludosa e umida che, quindi, impediva la coltivazione del terreno, e in cui era altissima la presenza della zanzara anopholes, causa della malaria. Verso la fine dell'800 è iniziato il recupero di questa zona che, nel 1978, è stata istituita come oasi naturale e, nel 1980, è stata riconosciuta Riserva Naturale di Popolamento animale. Il nome, di derivazione latina ("Seges", zona abbandonata), rimanda alla pratica medioevale di utilizzare i terreni fertili, sfruttarli e poi abbandonarli.

Info

Masseria Cesine - Vernole

Tel. +39. 329.8315714

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

www.riservalecesine.it

alt

NEI DINTORNI

- Masseria Grande (Torre dell'Orso)
- Hotel Mare Blu (Roca Vecchia)
- Villa Conca Marco (Vanze)
-
Doubletree by Hilton Acaya Golf Resort


L'oasi presenta varie caratteristiche: dune sabbiose dividono dal mare la zona umida costituita da due stagni: Pantano Piccolo, o Salapi, e Pantano Grande. L'area è inoltre caratterizzata da una ricca vegetazione con diverse specie vegetali e una fauna stanziale e migratoria. La vegetazione è divisa in varie zone: Pineta - Macchia mediterranea (area di arbusti con foglie piccole e lucide che si suddivide in macchia alta, in cui crescono soprattutto querce, ginepri e il lentisco; e macchia bassa, caratterizzata da ginestre e piante cespugliose come il rosmarino) - Lecceta (Area in cui prevale la presenza del "leccio", albero sempreverde dal fusto generalmente inclinato, che può avere anche un aspetto cespuglioso).
Tra le specie animali è possibile ammirare  l'airone cenerino, il germano reale, il piro piro, il riccio e la tartaruga palustre e, più raramente, l'airone bianco maggiore e l'airone rosso.  Nel sottobosco è possibile, invece, vedere il biacco, serpente tipico della zona chiamato dai contadini  "serpe nera". La presenza di una flora e una fauna tanto ricche ha fatto si che l'oasi Le Cesine diventasse, negli anni a seguire, zona a protezione speciale.

 
CERCA NEL SITO

Agenda Eventi

Ultimo mese Maggio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31

Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su AGREE per chiudere questa informativa. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information