Banner
Banner
Banner
Home CITTÀ DEL SALENTO Otranto e dintorni
Scopri il salento
Otranto e dintorni
Città del Salento - Otranto

Conosciuta dai turisti per la bellezza delle sue coste, cosiddetta “Bisanzio del Salento” la città di Otranto propone, nell’ancora intatto nucleo medievale, uno scenario di incantevole bellezza: sui vicoli tortuosi, circondati dalle alte mura aragonesi, che ancora ricordano la strenua lotta che gli Idruntini condussero contro i Turchi, dominano la solenne Cattedrale normanna,  la piccola chiesa bizantina di S. Pietro, il Castello aragonese.
Le numerose popolazioni, che hanno lasciato le loro tracce nella città, testimoniano il suo ruolo di centro di scambi non solo commerciali, ma religiosi e culturali con tutto il Mediterraneo che ha reso fin dall’antichità Hydruntum il “Porto d’Oriente”.

La posizione del sito di Otranto, con la possibilità di un porto e di rifornirsi di acqua dolce, ha fatto sì che il luogo fosse abitato già da età molto antica. Ad un insediamento di capanne dell'età del Bronzo, si sostituisce dal IX secolo a.C. un villaggio messapico. Diventa poi municipio romano, importante per la sua collocazione lungo la via Traiana Calabra. Massimo splendore della città si ha con l'età bizantina, dal VI all'XII secolo, quando la città diventa la capitale della Terra d'Otranto.
Conquistata dai Normanni la città continua a rivestire una certa importanza e così fino a che i Turchi non la conquisteranno nel 1480.
Oggetto di romanzi ancora al giorno d'oggi, l'episodio della presa di Otranto è particolare per il suo valore emotivo, soprattutto dal punto di vista cristiano. Stentando ad arrivare infatti le truppe aragonesi, gli Idruntini riuscirono per breve tempo, con grande coraggio, a difendere la loro città. Quando i Turchi riuscirono ad entrare e imposero la conversione, coloro che erano sopravvissuti alla battaglia rifiutarono di abbandonare la propria fede cristiana per aver salva la vita. Si racconta che a 800 uomini fu tagliata la testa sul Colle della Minerva. Ma i loro corpi senza vita, abbandonati alle intemperie, rimasero intatti fino a che, un anno dopo, Alfonso d'Aragona non liberò la città e ai martiri fu data degna sepoltura. Le loro ossa sono oggi conservate all'interno della Cattedrale, nella Cappella dei Martiri e il loro culto, a Otranto, è molto forte. Al centro della cappella viene conservato, all'interno di un altare, il cosiddetto "masso del martirio", la pietra su cui, si vuole, furono eseguite le decapitazioni.
Alfonso d'Aragona ricostruirà il castello e le mura di Otranto, a lui è infatti dedicata la Porta Alfonsina che dà accesso al centro storico, ma la città non raggiungerà mai più lo splendore di un tempo avviandosi ad un lento declino che continuerà nei secoli seguenti.

DA VEDERE


Cattedrale
Città del Salento - Otranto - Cattedrale
Otranto
 
Cava di Bauxite
Città del Salento - Otranto - Cava di Bauxite
Otranto
 
Cripta rupestre di Sant'Angelo
Città del Salento -Area Otranto - Cripta di Sant'Angelo Uggiano La Chiesa
Uggiano La Chiesa
 
Chiesa bizantina di San Pietro
Città del Salento - Otranto - Basilica di San Pietro
Otranto
 
I Massi di Giuggianello
Città del Salento - Area Otranto - Massi di Giuggianello
Giuggianello
 
Porto Badisco e la Grotta dei Cervi
Città del Salento - Area Otranto - Porto Badisco
Otranto
 
Castello
Città del Salento - Otranto - Castello Aragonese
Otranto
 
Muro Leccese
Città del Salento - Area Otranto - Muro Leccese Scavi
Muro Leccese
 
Laghi Alimini
Città del Salento - Otranto - Laghi Alimini
Otranto
 
Abbazia di San Nicola di Casole
Città del Salento - Otranto - Abbazia di San Nicola di Casole
Otranto
 
 


CERCA NEL SITO

Agenda Eventi

Ultimo mese Settembre 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 35 1
week 36 2 3 4 5 6 7 8
week 37 9 10 11 12 13 14 15
week 38 16 17 18 19 20 21 22
week 39 23 24 25 26 27 28 29
week 40 30

Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su AGREE per chiudere questa informativa. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information