Banner
Banner
Banner
Home TRADIZIONI LOCALI La Cartapesta
Scopri il salento

La Cartapesta

tradizioni locali - Cartapesta Leccese

La lavorazione della cartapesta è una tipica arte del territorio leccese e salentino. Passeggiando per la città di Lecce, soprattutto intorno alla zona della basilica di Santa Croce, numerose sono le botteghe in cui si possono ammirare i presepi e i personaggi della tradizione locale realizzati con questo particolare materiale.
Una tradizione che probabilmente Lecce prende da Napoli, tra il ‘600 e soprattutto il ‘700, per il fatto che la cartapesta riusciva ad apparire esteriormente alla stregua di materiali più pregevoli, rari e costosi. Nascono così le numerose figure sacre di Santi, che ancora oggi si possono ammirare all’interno delle chiese, o durante le processioni.
Si ritiene che l’arte della lavorazione della cartapesta nacque a Lecce all’interno dei negozi dei barbieri e il primo e più antico cartapestaio viene individuato in Pietro Surgente (1742-1827) detto anche Mesciu Pietru de li Cristi, a causa della sua ampia produzione di Crocifissi, ma sicuramente la cartapesta era già diffusa da alcuni decenni nel Salento.
Un importante tappa di questa tradizione si ha alla fine del Seicento quando viene realizzato in cartapesta il controsoffitto della Chiesa di Santa Chiara a Lecce: ad imitazione del più costoso legno, con cui negli stessi anni venivano realizzati splendidi controsoffitti intagliati e dorati, il soffitto di Santa Chiara è realizzato in vari pezzi che vennero poi montati in loco nel 1738. Alcuni attribuiscono questo soffitto a Mauro Manieri che in quegli anni operava per conto del vescovo di Lecce in Piazza Duomo.

Oggi la cartapesta fa parte del tipico artigianato locale. Nelle botteghe si possono acquistare dai presepi natalizi, ai personaggi tipici della tradizione salentina, come il pastore, il portatore di fascine, la donna che prende l’acqua, a piccoli souvenir realizzati appositamente per i turisti. Nel periodo natalizio da anni si svolge la Fiera di Santa Lucia, o Fiera dei Pupi, all'interno della quale è possibile ammirare i prodotti artigianali di molti maestri cartapestai salentini.



Procedimento tecnico: per realizzare un manufatto in cartapesta l’artigiano realizza prima di tutto uno scheletro in fil di ferro, la cosidetta anima, che viene rivestita di “lana” di legno. La sagoma viene modellata nella posizione che si vuole dare al personaggio. Vengono stesi così i primi fogli di carta imbevuti di colla e si lascia il manufatto essiccare. Vengono poi innestati sul busto gli elementi realizzati a parte in terracotta: volto, mani e piedi. Se ovviamente la statua è di grandi dimensioni anche questi elementi vengono realizzati in cartapesta e l’anima in fil di ferro viene invece sostituita dal legno.
A questo punto vengono plasmati gli abiti tramite fogli di carta incollati l’uno sull’altro con una colla chiamata localmente ponnula, costituita da farina, acqua e solfato di rame. Dopo l’essiccazione si passa alla focheggiatura, effettuata tramite cucchiai roventi che “stirano” la cartapesta e la rendono più resistente. Si passa poi alla ingessatura su cui poi si procede alla colorazione del manufatto.  

 
 
CERCA NEL SITO

Agenda Eventi

Ultimo mese Maggio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31

Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su AGREE per chiudere questa informativa. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information